"Se ascolto soltanto, dimentico. Se leggo, posso ricordare qualcosa. Solamente se faccio, imparo."

Ho sempre voluto promuovere il più possibile quello che si può fare sulle nostre montagne... innanzitutto, con la voglia di trasmettere questa "grande passione". Spero che anche questo sito web riesca a far parlare di montagna" e a far capire quante attività si possono praticare... "ancora" immersi, nella natura che essa ci offre.

 



Scialpinismo

PDFStampaE-mail

E’ una bellissima specialità che da la possibilità a tutti quelli che la praticano di trascorrere momenti emozionanti nel regno delle nevi e dei silenzi fra cime incantevoli e immacolate con panorami unici. Lo scialpinismo permette di accomunare il piacere di una salita, con gli sci ai piedi od in spalla, con quello della veloce e divertente discesa. In compagnia di una Guida Alpina alla scoperta della specialità.

Bisogna poi tener conto che sciare vuol dire letteralmente "tracciare una scia".

Volendo, quindi, attenerci ad una rigida interpretazione della parola, l'unico vero sciatore è quello che agisce fuori pista e ancor più colui che tale scia lascia anche salendo: lo sciatore alpinista. Solamente con una buona tecnica del fuoripista si riuscirà a lasciare vere e proprie "firme" sulla neve.

Storia dello sci: fare una storia di questa attività nelle Alpi è abbastanza superfluo: non appena gli sci sono stati introdotti sui monti, l'orografia stessa ha obbligato i nostri avi a improvvisare le prime tecniche di salita e discesa. Diverso è il tentare di indicare un periodo in cui lo sci ha iniziato a diventare mezzo di svago e strumento ideale per compiere dell'alpinismo invernale.

Un attrezzo perfetto per spostarsi in montagna in pieno inverno. Leggero, veloce e comodo.


La storia assegna il titolo di primo sciatore alpinista a Guglielmo Paulcke di Davos che dopo aver preso la dovuta confidenza con gli sci e averne modificato gli attacchi (allora fatti con fibre di giunco), nel 1893 compì quella che si può ritenere la prima gita sci alpinistica salendo il Colle del Pragel 1554 m. Da quel giorno non si contano le gite di Paulcke e compagni, sempre più lunghe, sempre più impegnative. Pochi anni dopo compariva sulla scena Marcel Kurz che diede a questa attività un nuovo e più moderno impulso proiettandola verso un successo di pubblico sempre maggiore testimoniato dal gran numero di appassionati dei nostri giorni.

 

La pratica dello scialpinismo

Sappiamo benissimo cosa vuol dire sciare in pista: traffico, file per le risalite, incidenti con altri sciatori, fila al bar/ristorante, ecc. Molte persone hanno iniziato a conoscere e praticare lo scialpinismo. Il fascino di questo tipo di attività è dato innanzitutto dall'elemento neve che, oltre a trasmettere una sensazione di purezza e di silenzio, ci permette di realizzare piacevoli salite, seguite da discese molto divertenti. Attenzione però a non sottovalutare questo elemento naturale che, a volte, nasconde pericolose insidie.

Le Guide vi permetteranno di praticare questa disciplina senza correre alcun pericolo. La pratica dello scialpinismo richiede unicamente una discreta base tecnica dello sci ed è accessibile a persone di ogni età. Questo sport è il giusto modo per coniugare il piacere di un'escursione a piedi con la passione dello sci.

Nelle lunghe traversate sci-alpinistiche (famose quelle  nel gruppo del M. Rosa) viene esaltata una delle principali componenti di questa disciplina: quella esplorativa ed avventurosa.  Ideale in compagnia di una Guida Alpina, a garanzia della necessaria sicurezza.

 

Soddisfazioni

Cosa c'è di più bello che salire le montagne quando sono coperte di neve bianchissima, affrontandole in ambiente invernale. Conseguire esperienza e preparazione ricorrendo non ad una sola tecnica, ma a diverse che insieme concorrono a perseguire il massimo di sicurezza. Raggiungere un profondo senso di liberazione sentendosi a proprio agio nell'ambiente: tutto questo è scialpinismo. Muoversi su un magnifico pendio ripido di neve, su un ghiacciaio, costellato di crepacci o nella nebbia che ci sorprende all’improvviso richiede partecipazione totale, comprensione dell’ambiente e capacità che non possono essere disgiunte da una profonda comunione con la montagna e con la natura, dalla conoscenza di se stessi e di una precisa definizione di un proprio concetto di limite. Per tutto questo, ma anche perché occasione per cogliere particolari suggestioni ambientali, lo scialpinismo può essere considerato come una tra le più belle attività in montagna. Questa disciplina é la nuova frontiera dello sci e sta attirando un sempre maggiore numero di appassionati che ricerca ed assapora, oltre alla voglia di fatica, l'evasione verso spazi infiniti. Gente comunque che della montagna ama gli aspetti più puri e genuini. Nel giro di pochi anni lo sci alpinismo si é sviluppato anche nelle nostre valli dove, grazie alla particolare conformazione orografica delle nostre montagne, è possibile disporre di itinerari di varia difficoltà, adatti sia ad escursionisti che principianti. Con le Guide vi verrà garantita una splendida salita con pelli di foca, il fruscio della neve sotto gli sci, il silenzio dell'ambiente circostante, la conquista di una cima immacolata, una magnifica discesa sul candido manto nevoso unitamente ad una organizzazione ed esperienza ormai pluriennale. Ogni cima, ogni vallata è una meta per lo sci alpinista in cerca di quelle sensazioni uniche come la soddisfazione della cima o quella di volare sulla neve fresca fino a valle in piena libertà. Le Guide Alpine sono a disposizione per indicazioni sempre aggiornate sui mille itinerari possibili da affrontare sempre in completa sicurezza. Periodo particolarmente indicato per l'alta montagna è l'ultima parte dell'inverno dove normalmente si organizzano escursioni che spesso prevedono la sistemazione in rifugi alpini d'alta quota e salite come nel caso del Gran Paradiso, Monte Rosa o Adamello Presanella.

 

Corsi di sci escursionismo e scialpinismo

Esistono vari tipi di corsi per chi si avvicina a queste specialità: i corsi di base preparano l'allievo allo studio degli itinerari di salita e di discesa, all'affinamento delle capacità di orientamento, alla conoscenza della montagna ambiente invernale ed alla progressione in sicurezza. Nelle lezioni teoriche e pratiche vengono introdotti inoltre elementi di nivologia. Particolare importanza rivestono le tecniche di autosoccorso. Durante il periodo di svolgimento dei corsi solitamente è possibile seguire un programma di preparazione fisica collettiva. I corsi di perfezionamento sviluppano le capacità sopradescritte e approfondiscono tutte le varie situazioni in cui ci si può trovare durante una gita di scialpinismo.

MATERIALE PER SCI ESCURSIONISMO: abbigliamento invernale da sci, scarponi con suola in vibram, attacchi con snodo per salita, pelli di foca autoadesive, sci e bastoncini.

MATERIALE PER LO SCIALPINISMO: in aggiunta a quanto sopra: ramponi, piccozza, rampanti per lo sci, apparecchio A.R.V.A., sonda, paletta, imbragatura.

 

Da non scordare!

Benché apparentemente alla portata di chiunque sappia sciare con una certa sicurezza, lo sci alpinismo, specie quello praticato ad inizio stagione, non é attività scevra da pericoli. E' noto a tutti che particolari condizioni di instabilità dei pendii possono essere causa di caduta valanghe. In genere il distacco non é mai naturale, ma provocato da fattori esterni quali, ad esempio, il carico di uno o più sciatori che tagliando la coltre nevosa, ne rompono i delicati equilibri.

E' pertanto necessario usare la massima prudenza sia nella scelta "a tavolino" della gita che, successivamente, sul terreno, cercando di evitare di percorrere avvallamenti e pendii sotto vento. E' fondamentale fare sempre riferimento al Bollettino Niveo meteorologico della propria Regione che aggiorna, di volta in volta, la situazione di pericolosità del manto nevoso fornendo utilissimi consigli

E' necessario che tutti i partecipanti alla gita siano dotati di ARVA, ovvero di apparecchio ricetrasmittente ad impulsi per poter essere più facilmente individuati in caso si venisse travolti. E' necessario che tutti abbiano una sonda da valanga e sarebbe meglio avere almeno una pala da neve per gruppo. Oltre a ciò occorre, ovviamente, essere in grado di utilizzare al meglio gli strumenti in dotazione, in particolare l'ARVA (tale apparecchio ha un costo oscillante attorno ai 200 euro).

 

NOTE

Difficoltà: Viene usata la ormai conosciuta scala Blachere:

MS  - Medi Sciatori                                    MSA - Medi Sciatori Alpinisti

BS  - Buoni Sciatori                                    BSA - Buoni Sciatori Alpinisti

OS  - Ottimi Sciatori                                   OSA - Ottimi Sciatori Alpinisti

 

Dislivello viene calcolato dalla località di partenza per il primo giorno e, dalla località di partenza alla vetta per il secondo giorno. Per le gite in giornata, dal punto di partenza alla vetta. Fate attenzione che alcuni itinerari prevedono delle rimonte che quindi si sommano al dislivello.

Foto gallery