"Se ascolto soltanto, dimentico. Se leggo, posso ricordare qualcosa. Solamente se faccio, imparo."

Ho sempre voluto promuovere il più possibile quello che si può fare sulle nostre montagne... innanzitutto, con la voglia di trasmettere questa "grande passione". Spero che anche questo sito web riesca a far parlare di montagna" e a far capire quante attività si possono praticare... "ancora" immersi, nella natura che essa ci offre.

 



Punta Orientale di Campiglio 2969 m

PDFStampaE-mail

Cima: una delle tante cime solate del Gruppo di Brenta. Lungo questo itinerario si affrontano bellissime salite con le pelli a salite tecniche incassati tra le rocce. Itinerario di grande soddisfazione. Il canale che poi si ridiscenderà viene percorso con i ramponi in salita, per avere la possibilità di vedere il tipo di neve che si dovrà affrontare. La breve cresta finale è la cosiddetta ciliegina sulla torta perchè conduce sulla cima attraverso brevi passaggi facili di roccia che fanno da naturale spartiacque tra la Val Brenta e la Valle di Vallesinella. La traccia di salita dal Rif. Tucket, non è di facile individuazione.

La parte alta del tracciato dopo il Rif. Tucket con il canale che porta in vetta.

Accesso: la salita più comune è quella che parte dal Rif. Vallesinella, passa per il Rif. Casinei e il Rif. Tucket; quella più comoda: dagli impianti del Grostè seguendo le tracce del sentiero estivo che danno accesso al Rif. Tuchet sino a che s’incontrano i cavi della teleferica del rifugio a quota 2140 m circa. (Questo è il punto di incontro dei due accessi). Da qui, sempre in mezza costa portarsi gradualmente verso la Vedretta di Brenta Superiore, salire un piccolo vallone sotto delle pareti verticali scure che da l’accesso ad una zona con grossi massi, dove passa il sentiero Sosat che si segue per circa 100 m. Quando il sentiero inizia a degradare a destra (tracce di segnalazione bianche e rosse sui sassi) lo si abbandona per continuare a risalire il pendio mirando al margine destro di quella parete strapiombante giallo rossa che si nota benissimo fin dal Rif. Tucket. Da questo punto si è obbligati a fare una lunga diagonale in salita verso destra fino alla sua fine. Se siete nel posto corretto vi sarete sicuramente affacciati al ripido canale che porta direttamente sulla Punta di Campiglio. Lo si percorre inizialmente in centro tra le sue rocce fino ad un salto che si supera a sinistra (anche la discesa avviene su questo lato). Dal punto da valutare sul posto, che si ritiene più idoneo si supera una breve cengia che riporta nel centro del canale che si percorre fino in cima. Una volta sbucati sulla cresta la si percorre sulla destra e ci si porta sul suo culmine fino a raggiungere la cima.

Discesa: dalla cima, con gli sci calzati, si prosegue pochi metri in direzione della Cima Brenta Occidentale (Est) per abbassarsi sul lato Nord. Da qui in direzione Ovest verso l'imbocco dello spettacolare canale fatto in salita, e per il ritorno al punto di partenza attraverso il Rif. Tuckett. Dal rifugio di nuovo le due possibilità: 1- a mezza costa ci si dirige percorrendo alcuni tratti sali scendi di pochi metri, ma sempre in discesa (solo con neve assestata) fin sotto le pareti della Corna Rossa per la semplice risalita alle piste di sci del Grostè e per la discesa definitiva alla macchina; 2- la discesa diretta al Rif. Casinei e al Rif. Vallesinella.

Foto gallery